collegamento al portale della Regione Friuli Venezia Giulia
La mia anagrafica

Anagrafica

Gestione dati Suap

Gestione dati suap

Le mie domande
Area operatori
Riferimenti SUAP
Domande inoltrate: elenco

per avviare e gestire un'attività

Vicinato
negozio di quartiere, negozietto, macelleria, frutta e verdura, salumeria, formaggeria, erboristeria, panetteria, pasticceria, drogheria, alimentari, latteria, abbigliamento e accessori, scarpe

Descrizione

I negozi con superficie di vendita massima di metri quadrati 250 sono esercizi di "vicinato".

La superficie di vendita è l’area occupata dalle merci, alla quale ha accesso il pubblico.

La superficie di vendita può anche essere ricavata su un’area “a cielo libero”, equiparata a tutti gli effetti, a quella interna gli edifici.

Ultimo aggiornamento: Wed Nov 22 16:40:00 CET 2017

Prodotti

I negozi di vicinato possono vendere i seguenti prodotti:

  1. generi del settore alimentare: prodotti destinati alla nutrizione;
  2. generi del settore non alimentare: ogni altro prodotto diverso da quelli di cui al punto precedente;
  3. generi non alimentari a basso impatto: i materiali dell’edilizia, ivi compresi quelli elettrici, dell’agricoltura e della zootecnia, la ferramenta, i legnami, i mobili e gli articoli di arredamento, gli elettrodomestici, i veicoli, incluse le imbarcazioni, e i prodotti a questi similari che richiedono ampie superfici di esposizione e di vendita in rapporto al numero di visitatori e acquirenti;
  4. generi speciali: i prodotti ricompresi nei settori merceologici alimentari e non, posti in vendita nelle farmacie, nelle rivendite di generi di monopolio e presso i distributori di carburante, secondo le specifiche tabelle di cui all’allegato A della Legge stessa. Tali generi, che possono anche coesistere con gli altri settori merceologici, non necessitano dei requisiti professionali.
Ultimo aggiornamento: Wed Nov 22 16:40:00 CET 2017

Requisiti

Per l’avvio o l’esercizio sono necessari:

a) REQUISITI SOGGETTIVI:


  1. Requisiti antimafia di tutti i soggetti indicati dall’art. 85 del D. Lgs. 6 settembre 2011, n. 159;
  2. Requisiti morali  di tutti i soggetti indicati dall'art. 85 del D. Lgs. 6 settembre 2011, n. 159; sono previsti dall’art. 71 D.Lgs. 26 marzo 2010, n. 59;
  3. Requisiti professionali:
  • del titolare o del preposto;
  • del legale rappresentante o del preposto.

I requisiti professionali per la vendita di generi alimentari sono previsti dall’art. 71 D.Lgs. 26 marzo 2010, n. 59; non sono necessari per la vendita di prodotti per la nutrizione animale.

Se il requisito professionale è stato acquisito all’estero, le domande di riconoscimento del requisito devono essere inviate al Ministero dello Sviluppo Economico.

Il preposto deve essere nominato quando l’attività commerciale non è esercitata direttamente dal titolare o dal legale rappresentante.

 

4. Iscrizione al registro imprese per le imprese commerciali.

 


b) REQUISITI OGGETTIVI:

 

Gli esercizi di vicinato possono essere allocati in ogni zona urbanisticamente compatibile; i locali devono avere destinazione d’uso commerciale al dettaglio.

 

Ultimo aggiornamento: Wed Nov 22 16:40:00 CET 2017

Regime avvio

L'avvio della vendita in esercizi di vicinato è soggetto a segnalazione certificata di inizio di attività (SCIA).

Il regime per l'avvio dell'attività è previsto dalla SEZIONE I- ATTIVITA' COMMERCIALI E ASSIMILABILI-PUNTO 1 -COMMERCIO SU AREA PRIVATA Attività n. 1.1 e 1.2 pag. 11-13 -della tabella A allegata al D. Lgs. 25 novembre 2016, n. 222, recante “Individuazione di procedimenti oggetto di autorizzazione, segnalazione certificata di inizio di attività (SCIA), silenzio assenso e comunicazione e di definizione dei regimi amministrativi applicabili a determinate attività e procedimenti, ai sensi dell'articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124”.

 

Gli esercizi di vicinato possono essere collegati ad altre attività di competenza del SUAP:

 

 

Ultimo aggiornamento: Wed Nov 22 16:40:00 CET 2017

Guida

Prima di avviare la compilazione consultare la Guida alla compilazione telematica.

Ultimo aggiornamento: Wed Nov 22 16:40:00 CET 2017

Controlli

I controlli sono svolti da:
1. il Comune: verifica i requisiti dichiarati nella SCIA;
2. le Aziende per l'assistenza sanitaria: i Dipartimenti di Prevenzione (D.I.P.) delle Aziende per l'assistenza sanitaria (Aas) - Servizi igiene alimenti e nutrizione e Servizi veterinari igiene alimenti di origine animale - effettuano periodicamente, in base ad una valutazione dei rischi e con frequenza appropriata, i controlli ufficiali.

Ultimo aggiornamento: Wed Nov 22 16:40:00 CET 2017

Normativa

Ultimo aggiornamento: Wed Nov 22 16:40:00 CET 2017