collegamento al portale della Regione Friuli Venezia Giulia
La mia anagrafica

Anagrafica

Gestione dati sportello

Gestione dati sportello

Le mie domande
Area operatori
Riferimenti sportello
Domande inoltrate: elenco

per avviare e gestire un'attività

Apparecchi automatici
distributori automatici, alimenti, bevande, gadget, palline, giocattoli, vending machine, installazioni, disinstallazioni, comunicazione annuale, vendita mediante distributori automatici

Descrizione

L'avvio della vendita di prodotti al dettaglio per mezzo di apparecchi automatici è soggetto a SCIA.

L'installazione di apparecchi automatici alimentari contestuale all’avvio dell’impresa è soggetta a comunicazione.

Le successive installazioni/disinstallazioni di apparecchi automatici che distribuiscono prodotti alimentari sono soggette a comunicazione annuale (entro il 31 gennaio di ogni anno).

La vendita mediante apparecchi automatici in apposito locale a essa adibito in modo esclusivo è considerata come apertura di un esercizio di vicinato.
La vendita mediante apparecchi automatici esercitata dalle farmacie deve riguardare esclusivamente i generi speciali compresi nella specifica tabella di cui all’allegato A della L.R. 5 dicembre 2005, n. 29 , con esclusione dei medicinali, e deve essere effettuata esclusivamente all’interno della farmacia o nelle sue immediate adiacenze.

L’installazione dei distributori automatici su area pubblica è soggetta all’occupazione di suolo pubblico.

Ultimo aggiornamento: 05/08/2020

Requisiti

Per l’avvio o l’esercizio sono necessari:

a) REQUISITI SOGGETTIVI:

 

  1. Requisiti antimafia di tutti i soggetti indicati dall’art. 85 del D. Lgs. 6 settembre 2011, n. 159;
  2. Requisiti morali di tutti i soggetti indicati dall'art. 85 del D. Lgs. 6 settembre 2011, n. 159; sono previsti dall’art. 71 D.Lgs. 26 marzo 2010, n. 59;
  3. Requisiti professionali:
  • del titolare o del preposto;
  • del legale rappresentante o del preposto.

I requisiti professionali per la vendita di generi alimentari sono previsti dall’art. 71 D.Lgs. 26 marzo 2010, n. 59; non sono necessari per la vendita di prodotti per la nutrizione animale.

Il preposto deve essere nominato quando l’attività commerciale non è esercitata direttamente dal titolare o dal legale rappresentante.

 

4. Iscrizione al registro imprese per le imprese commerciali.


b) REQUISITI OGGETTIVI:

La vendita di alimenti e bevande mediante apparecchi automatici deve essere esercitata in conformità alla vigente normativa sull’igiene degli alimenti.

Ultimo aggiornamento: 05/08/2020

Regime avvio

L'avvio della vendita è soggetto a segnalazione certificata di inizio di attività (SCIA).

Il regime per l'avvio dell'attività è previsto dallaa SEZIONE I- ATTIVITA' COMMERCIALI E ASSIMILABILI-PUNTO 1 -COMMERCIO SU AREA PRIVATA Attività n. 1.11 della tabella A allegata al D. Lgs. 25 novembre 2016, n. 222.

L'installazione di apparecchi automatici alimentari contestuale all’avvio dell’impresa è soggetta a comunicazione.

 

Gli apparecchi automatici possono essere collegati ad altre attività di competenza del SUAP:

Ultimo aggiornamento: 05/08/2020

Guida

Prima di avviare l'attività consultare la Guida alla compilazione telematica.

Ultimo aggiornamento: 05/08/2020

Controlli

I controlli sono svolti da:
1. il Comune: verifica i requisiti dichiarati nella SCIA;
2. le Aziende sanitarie: i Dipartimenti di Prevenzione (D.I.P.) - Servizi igiene alimenti e nutrizione e Servizi veterinari igiene alimenti di origine animale - effettuano periodicamente, in base ad una valutazione dei rischi e con frequenza appropriata, i controlli ufficiali sui distributori alimentari.

Ultimo aggiornamento: 05/08/2020

Normativa

Ultimo aggiornamento: 05/08/2020