collegamento al portale della Regione Friuli Venezia Giulia
La mia anagrafica

Anagrafica

Gestione dati sportello

Gestione dati sportello

Le mie domande
Area operatori
Riferimenti sportello
Domande inoltrate: elenco

per avviare e gestire un'attività

Officine di revisione veicoli a motore
revisione, collaudo, officine

Descrizione

La revisione è il controllo tecnico al quale sono soggetti gran parte dei veicoli in circolazione.
La tipologia e la periodicità dei controlli si diversificano in base alla categoria di appartenenza dei veicoli (autoveicoli e rimorchi, ciclomotori e motoveicoli, veicoli d’epoca, veicoli a trazione animale in servizio di piazza).
I centri di revisione privati si occupano dei seguenti veicoli a motore:
- autombulanze, autobus fino a 16 posti compreso il conducente, autoveicoli da piazza o da noleggio con conducente, taxi
- autoveicoli, autocarri, autocaravan autoveicoli per trasporto specifico e per uso speciale con massa complessiva a pieno carico non superiore a 3,5 tonnellate
- ciclomotori e motoveicoli (limitatamente ai centri espressamente autorizzati).
Ultimo aggiornamento: 25/02/2021

Requisiti

Per l’avvio o l’esercizio dell'attività sono necessari:

a) REQUISITI SOGGETTIVI:

Le imprese che intendono diventare officine di revisione dei veicoli devono svolgere le attività di autoriparatore previste dalla L. 5 febbraio 1992, n. 122 e devono essere autorizzate ai sensi dell'art. 80 del D. Lgs 30 aprile 1992, n. 285.

Il titolare e/o il responsabile tecnico/ispettore devono possedere, in base all'art. 240 del D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495, i seguenti requisiti:
  1. maggiore età;
  2. non essere sottoposto a misure restrittive di sicurezza personale o di prevenzione
  3. non essere e non essere stato interdetto o inabilitato o dichiarato fallito ovvero non avere in corso procedimento per dichiarazione di fallimento
  4. essere cittadino italiano o altro stato membro della Comunità Europea o di altro Stato con cui sia operante specifica condizione di reciprocità
  5. non avere riportato condanne per delitti, anche colposi e non essere stato ammesso a godere dei benefici previsti dall'art. 444 del codice di procedura penale e non essere sottoposto a procedimenti penali
  6. aver conseguito un diploma di perito industriale, di geometra o di maturità scientifica ovvero un diploma di laurea o di laurea breve in ingegneria
  7. aver superato un apposito corso di formazione organizzato secondo le modalità stabilite dal Dipartimento dei trasporti terrestri. I corsi si svolgono presso enti di formazione accreditati dalle singole Regioni, mentre gli esami saranno tenuti presso gli uffici della Motorizzazione civile regionale.

L'ispettore è la persona abilitata ad effettuare i controlli tecnici sui veicoli.

I requisiti personali e professionali del responsabile tecnico/ispettore devono sussistere durante tutto il periodo in cui l'impresa è operativa; il controllo è effettuato dalla Motorizzazione civile regionale.

 

b) REQUISITI OGGETTIVI:

Ogni sede operativa deve possedere i requisiti previsti dall'art. 239 del D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495 e deve essere autorizzata.

I requisiti dei locali e delle attrezzature sono stabiliti dall'art. 241 del D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495:

  • idoneità urbanistica, edilizia, di destinazione d'uso e igienico-sanitaria dei locali.
  • rispetto norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, di cui al D. Lgs. n. 81/2006.
  • dotazione di attrezzature e strumentazioni indicate nell'appendice X al titolo III del D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495 approvate, od omologate dai competenti Uffici del Ministero dei trasporti e della navigazione.
Ultimo aggiornamento: 25/02/2021

Regime avvio

L'avvio dell'attività è soggetto a domanda allo sportello unico per le attività produttive in cui l'attività ha luogo: il SUAP trasmette la domanda all'Ufficio della Motorizzazione civile regionale competente per territorio, che rilascia l'autorizzazione ad avviare l'attività, tramite il SUAP.

La domanda di autorizzazione è soggetta al pagamento di una tariffa di 103,00 euro sul c/c postale n. 85770709 intestato alla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Servizio Tesoreria.

Il regime per l'avvio dell'attività è previsto dalla SEZIONE I - Attività commerciali e assimilabili SEZIONE I - 14. ALTRE ATTIVITA'SEZIONE  - punto 100  - della tabella A allegata al D. Lgs. 25 novembre 2016, n. 222.

 

L'attività può essere collegata ad altre attività di competenza del SUAP:

Ultimo aggiornamento: 25/02/2021

Guida

Prima di avviare la compilazione consultare la Guida alla compilazione telematica.

Ultimo aggiornamento: 25/02/2021

Controlli

Gli enti terzi che effettuano i controlli sull'attività sono il Servizio della Motorizzazione civile regionale e il Comando Provinciale Vigili del Fuoco competente per territorio.

Ultimo aggiornamento: 25/02/2021

Normativa

Ultimo aggiornamento: 25/02/2021