collegamento al portale della Regione Friuli Venezia Giulia
La mia anagrafica

Anagrafica

Gestione dati Suap

Gestione dati suap

Le mie domande
Area operatori
Riferimenti SUAP
Domande inoltrate: elenco

per avviare e gestire un'attività

Deroga al divieto di fumo
deroga, fumo, fumatori, aree dedicate, locale fumatori

Descrizione

L'articolo 51 "Tutela della salute dei non fumatori" della legge 16 gennaio 2003, n. 3 "Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione" definisce le misure che servono ad eliminare l'esposizione al fumo passivo nei luoghi di lavoro e locali pubblici chiusi.

La legge ha esteso il divieto di fumo a tutti i locali chiusi, pubblici e privati, quindi anche a studi professionali, uffici privati, circoli privati, bar, ristoranti, sale giochi ed altri esercizi commerciali, stabilendo il principio che non fumare, nei locali chiusi, è la regola. Fumare, nei locali chiusi, è l'eccezione: oltre che nelle residenze private, si può fumare unicamente in locali riservati ai fumatori. Questi ultimi devono essere dotati di impianti, per la ventilazione ed il ricambio di aria, regolarmente funzionanti, aventi le caratteristiche tecniche fissate con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23 dicembre 2003.

La realizzazione di aree per non fumatori non rappresenta affatto un obbligo, ma una facoltà, riservata ai pubblici esercizi e ai luoghi di lavoro che, qualora ritengano opportuno attrezzare locali riservati ai fumatori devono adeguarli ai requisiti tecnici dettati dal DPCM del 23 dicembre 2003.

Nel caso in cui il locale non sia adeguato alla norma è da intendersi come interamente destinato ai non fumatori.

I termini per il rilascio dell'autorizzazione alla realizzazione di locali per fumatori sono fissati, di norma, in 30 giorni, fatti salvi i diversi termini fissati con regolamento del Comune.
Disponibili approfondimenti sul tema sul sito del Ministero della Salute..
Ultimo aggiornamento: Thu Feb 02 16:40:00 CET 2017

Requisiti

Requisito per chiedere la deroga è l'esercizio di una delle attività in cui è previsto il divieto di fumare.
I locali riservati ai fumatori, di cui all'articolo 51, comma 1, lettera b) della legge 16 gennaio 2003, n. 3 devono essere contrassegnati come tali e realizzati in modo da risultare adeguatamente separati da altri ambienti limitrofi, dove è vietato fumare.
A tal fine i locali per fumatori devono rispettare i seguenti requisiti strutturali (DPCM 23 dicembre 2003):

  • essere delimitati da pareti a tutta altezza su quattro lati;
  • essere dotati di ingresso con porta a chiusura automatica, abitualmente in posizione di chiusura;
  • essere dotati di apposita segnaletica; non rappresentare un locale di passaggio per i non fumatori;
  • essere dotati di idonei mezzi meccanici di ventilazione forzata. La portata d'aria supplementare minima da assicurare è pari a 30 litri/secondo per ogni persona che può essere ospitata, sulla base di un indice di affollamento pari allo 0,7 persone mq;
  • l'aria deve essere espulsa all'esterno attraverso idonei impianti e aperture funzionali;
  • all'ingresso dei locali è indicato il numero massimo di persone ammissibili, in base alla portata dell'impianto;
  • devono essere mantenuti in depressione non inferiore a 5 Pascal rispetto alle zone circostanti;
  • la superficie destinata ai fumatori negli esercizi di ristorazione deve essere inferiore alla metà della superficie complessiva di somministrazione dell'esercizio;
  • la progettazione, l'installazione, la manutenzione ed il collaudo dei sistemi di ventilazione devono essere conformi alle disposizioni legislative e regolamentari in tema di sicurezza e di risparmio energetico, come pure alle norme dell'Ente italiano di unificazione (UNI) e del comitato elettrotecnico italiano (CEI).
Ultimo aggiornamento: Thu Feb 02 16:40:00 CET 2017

Regime avvio

Ultimo aggiornamento: Thu Feb 02 16:40:00 CET 2017

Guida

Prima di avviare l'attività consultare la Guida alla compilazione telematica.
Ultimo aggiornamento: Thu Feb 02 16:40:00 CET 2017

Controlli

Gli uffici interni e gli enti terzi che effettuano i controlli sull'attività sono:

  1. l'Azienda per l'assistenza sanitaria (Aas) competente per territorio
  2. il Comune competente per territorio
  3. l'Autorità di pubblica sicurezza e tutti gli organi di vigilanza.
Ultimo aggiornamento: Thu Feb 02 16:40:00 CET 2017

Normativa

Ultimo aggiornamento: Thu Feb 02 16:40:00 CET 2017