per avviare e gestire un'attività

AUA - Autorizzazione idraulica relativa agli scarichi
acque, corsi d'acqua, corpi idrici, rogge, canali, tratti fluviali, bacini idrografici, aree fluviali, scarico, scarichi, beni demaniali, demanio

L'autorizzazione idraulica relativa agli scarichi su corsi d'acqua e beni appartenenti al demanio idrico è di competenza della Regione o dei Consorzi di bonifica:

 

La Regione è competente per il rilascio dell'autorizzazione idraulica relativa agli scarichi su corsi d'acqua di classe 1, 2, 3 e 5, mentre i Consorzi di bonifica sono competenti per gli scarichi su corsi d'acqua di classe 4.

I corsi d'acqua possono essere identificati a questi link:

La L.R. 29 aprile 2015, n. 11 prevede che l'autorizzazione idraulica rientri nell'AUA a partire dal 1 gennaio 2021.

La domanda di AUA deve sempre contenere anche il procedimento relativo all'impatto acustico.

L'autorizzazione idraulica è soggetta a domanda allo Sportello unico per le attività produttive (SUAP) presso il Comune in cui si intende avviare l’attività.

Il regime di avvio è previsto dalla L.R. 29 aprile 2015, n. 11.

La procedura di rilascio dell'AUA e le Autorità coinvolte sono definite dalla Delibera Giunta Regionale n 1910 del 10 dicembre 2021 e relativo Allegato 1 alla Delibera 1910-2021.


 

Il procedimento di AUA non prevede diritti di istruttoria, salvo quanto previsto per i singoli titoli abilitativi per i quali si invita a contattare direttamente il Soggetto competente al rilascio del relativo atto abilitativo.

Consulta la pagina dedicata

Prima di avviare la compilazione si consiglia di:

  • consultare la Guida alla compilazione telematica
  • scegliere il procedimento dalla lista disponibile sul lato destro di questa scheda, per conoscere i moduli da compilare e gli allegati.
  • D. Lgs.  3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale
  • Dpr 13 marzo 2013, n. 59 Regolamento recante la disciplina dell'autorizzazione unica ambientale e la semplificazione di adempimenti amministrativi in materia ambientale gravanti sulle piccole e medie imprese e sugli impianti non soggetti ad autorizzazione integrata ambientale, a norma dell'articolo 23 del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 aprile 2012, n. 35
  • L.R. 29 aprile 2015, n. 11 Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque (modificata dall'art. 82 della LR. 29 giugno 2020, n. 13)
Ultimo aggiornamento: 24/05/2024