collegamento al portale della Regione Friuli Venezia Giulia
La mia anagrafica

Anagrafica

Gestione dati sportello

Gestione dati sportello

Le mie domande
Area operatori
Riferimenti sportello
Domande inoltrate: elenco
home  » news  »  News

News

PNRR, l'Italia diventa digitale: gli obiettivi 2026

Obiettivi e iniziative per il digitale nel Piano nazionale di ripresa e resilienza

03/05/2021  - 
Il 27% delle risorse totali del Piano nazionale di ripresa e resilienza è dedicato alla transizione digitale.
All'interno del Piano si sviluppa su due assi la nostra strategia per l’Italia digitale.
Il primo asse riguarda le infrastrutture digitali e la connettività a banda ultra larga. Il secondo riguarda tutti quegli interventi volti a trasformare la Pubblica Amministrazione (PA) in chiave digitale.

I due assi sono necessari per garantire che tutti i cittadini abbiano accesso a connessioni veloci per vivere appieno le opportunità che una vita digitale può e deve offrire e per migliorare il rapporto tra cittadino e Pubblica Amministrazione rendendo quest’ultima un alleato nella vita digitale dei cittadini.

I FONDI PER ITALIA DIGITALE 2026
6,71 miliardi di euro in reti ultraveloci
6,74 miliardi di euro nella digitalizzazione PA

Reti ultraveloci
La nuova strategia europea Digital Compass stabilisce obiettivi impegnativi per il prossimo decennio: deve essere garantita entro il 2030 una connettività a 1 Gbps per tutti e la piena copertura 5G delle aree popolate.
L’ambizione dell’Italia è di raggiungere gli obiettivi europei di trasformazione digitale in netto anticipo sui tempi, portando connessioni a 1 Gbps su tutto il territorio nazionale entro il 2026
Italia digitale 20216 include infatti importanti investimenti per garantire la copertura di tutto il territorio con reti a banda ultra-larga (fibra FTTH, FWA e 5G), condizione necessaria per consentire alle imprese di catturare i benefici della digitalizzazione e più in generale per realizzare pienamente l’obiettivo di gigabit society.

La digitalizzazione della PA
L’obiettivo è rendere la Pubblica Amministrazione la migliore “alleata” di cittadini e imprese, con un’offerta di servizi sempre più efficienti e facilmente accessibili.
Per fare ciò, da un lato si agisce sugli aspetti di “infrastruttura digitale”, spingendo la migrazione al cloud delle amministrazioni, accelerando l’interoperabilità tra gli enti pubblici, snellendo le procedure secondo il principio “once only” (secondo il quale le pubbliche amministrazioni devono evitare di chiedere a cittadini ed imprese informazioni già fornite in precedenza) e rafforzando le difese di cybersecurity. Dall’altro lato vengono estesi i servizi ai cittadini, migliorandone l’accessibilità e adeguando i processi prioritari delle Amministrazioni Centrali agli standard condivisi da tutti gli Stati Membri dell’Unione Europea.
Per rendere tutto questo realmente funzionale alla transizione digitale del paese, questi interventi sono accompagnati da iniziative di supporto per l’acquisizione e l’arricchimento delle competenze digitali.
In particolare sono previsti sette principali investimenti:

  1. Infrastrutture digitali: cloud-Polo Strategico Nazionale;
  2. Abilitazione e facilitazione migrazione cloud;
  3. Piattaforma interoperabilità dati;
  4. Servizi identità, domicilio, notifiche, pagamenti;
  5. Cybersecurity: Perimetro Sicurezza Informatica;
  6. Digitalizzazione delle grandi amministrazione centrali;
  7. Competenze digitali di base.

Gli obiettivi di Italia digitale 2026
Gli investimenti pensati dal piano Italia del 2026 hanno come traguardo principale quello di mettere l’Italia nel gruppo di testa in Europa nel 2026. Questo succederà puntando a cinque obiettivi:

  1. Diffondere l’identità digitale, assicurando che venga utilizzata dal 70% della popolazione;
  2. Colmare il gap di competenze digitali, con almeno il 70% della popolazione che sia digitalmente abile;
  3. Portare circa il 75% delle PA italiane a utilizzare servizi in cloud;
  4. Raggiungere almeno l’80% dei servizi pubblici erogati online;
  5. Raggiungere, in collaborazione con il Mise, il 100% delle famiglie e delle imprese italiane con reti a banda ultra-larga.

Fonte:



Monica Feletig
Ultimo aggiornamento: 03/05/2021