collegamento al portale della Regione Friuli Venezia Giulia
La mia anagrafica

Anagrafica

Gestione dati Suap

Gestione dati suap

Le mie domande
Area operatori
Riferimenti SUAP
Domande inoltrate: elenco

Tatuaggio
tatuaggi, tattoo

Descrizione

Si definisce “tatuaggio” la colorazione permanente di parti del corpo ottenuta con l’introduzione o penetrazione intradermica di pigmenti mediante aghi, compreso il trucco permanente, e qualsiasi altra tecnica finalizzata a formare disegni o figure indelebili e permanenti. Caratteristica del tatuaggio è la colorazione del derma, la parte della cute più profonda sottostante l’epidermide.

Non rientra nell’attività di tatuaggio il “disegno epidermico o trucco semipermanente”, ovvero un insieme di trattamenti e tecniche manuali eseguite sul viso o sul corpo, allo scopo di migliorarne o proteggerne l’aspetto estetico; il disegno epidermico si limita allo strato superficiale della cute e rientra pertanto nell’attività di estetista.

Non è ammesso lo svolgimento delle attività di tatuaggio in forma ambulante o di posteggio, fatte salve le manifestazioni pubbliche.

Ultimo aggiornamento: Wed Jan 25 16:40:00 CET 2017

Vendita

I tatuatori possono anche effettuare attività di vendita ai propri clienti, come segue:

1) le imprese artigiane che vendono o comunque cedono alla propria clientela, al solo fine della continuità dei trattamenti in corso, prodotti strettamente inerenti lo svolgimento delle attività medesime, non sono soggette alla disciplina del commercio di cui alla L.R. 5 dicembre 2005, n. 29; in sostanza, l'attività complementare è libera;

2) le imprese non artigiane iscritte al Registro Imprese, per poter vendere ai propri clienti i prodotti strettamente inerenti lo svolgimento delle attività medesime, sono invece soggette alla disciplina del commercio di cui alla L.R. 5 dicembre 2005, n. 29 (cfr esercizi commerciali di vicinato).

Ultimo aggiornamento: Wed Jan 25 16:40:00 CET 2017

Requisiti

Per l’avvio o l’esercizio dell’attività di tatuatore sono necessarie due tipologie di requisiti:

a) REQUISITI SOGGETTIVI, che attengono all’impresa che gestisce l’attività (ditta individuale o società);


1) Iscrizione A.I.A. per le imprese artigiane, iscrizione al registro imprese per le imprese commerciali;

2) Requisiti morali, previsti per i soggetti indicati dall’art. 85 del D. Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 (Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli artt. 1 e 2 della Legge 13 agosto 2010, n. 136);

3) Requisiti professionali: nella Regione FVG è prevista la realizzazione di corsi di formazione obbligatoria, i cui contenuti sono rimessi al regolamento di attuazione approvato con DPReg. 14 aprile 2014, n. 064/Pres Regolamento recante la disciplina di attuazione della L.R. 12 aprile 2012, n. 7 (disciplina delle attività tatuaggio, di piercing e delle pratiche correlate).

 

b) REQUISITI OGGETTIVI, che riguardano invece i locali ove l’attività viene svolta.


Requisiti dei locali: come previsti dal regolamento comunale; trattandosi di attività di prestazione di servizi alla persona pertinenti a iniziative imprenditoriali definite artigianali dalla legislazione di settore, devono essere svolte in locali aventi destinazione d’uso artigianale; ciò a prescindere dal fatto che l’impresa titolare dell’attività sia iscritta, o meno, all’Albo imprese artigiane.

Naturalmente, in caso di coesistenza di più attività in uno stesso locale, è l’attività “prevalente”, in termini di volume d'affari, che condiziona la destinazione d’uso dell’immobile. Ad esempio, in caso di coesistenza di attività artigianale prevalente di tatuaggio e di attività commerciale secondaria di commercio al dettaglio, la destinazione d’uso del locale rimarrà artigianale.

I locali dedicati in cui avvengono le prestazioni artigiane devono possedere le caratteristiche previste dal Regolamento comunale, mentre le unità funzionali relative alle attività estranee al settore artigiano devono possedere le caratteristiche previste dalle Leggi di settore che le disciplinano (leggi del commercio, leggi della somministrazione e così via).
Le unità funzionali possono essere collegate tra loro da locali generali comuni, quali sala d’attesa e/o reception.

 

L'attività di tatuaggio può essere svolta unitamente ad altre attività artigiane, quali estetica, acconciatore, tatuaggio  cioè (in forma mista), in forma di imprese esercitate nella medesima sede avente i requisiti previsti dal regolamento comunale.Le attività di tatuaggio possono essere esercitate congiuntamente ad altre attività estranee al settore artigiano (cioè in forma promiscua) come, ad esempio, attività di commercio al dettaglio, oppure somministrazione di alimenti e bevande. Ciò è possibile purchè nel rispetto del Regolamento comunale e delle Leggi e regolamenti disciplinanti le attività estranee al settore artigiano.

Ultimo aggiornamento: Wed Jan 25 16:40:00 CET 2017

Regime avvio

Prima di iniziare la compilazione consultare:

  1. le informazioni generali relative al regime per l'avvio dell'attività
 
L'esercizio dell'attività è subordinato alla presentazione della segnalazione certificata di inizio di attività (SCIA) con le modalità indicate all'art.  3 della L.R. 17 giugno 2012, n. 7.
Ultimo aggiornamento: Wed Jan 25 16:40:00 CET 2017

Guida

Prima di avviare la compilazione consultare la Guida alla compilazione telematica.

Ultimo aggiornamento: Wed Jan 25 16:40:00 CET 2017

Controlli

Gli uffici interni e gli enti terzi che effettuano i controlli sull'attività sono:

  • la Polizia locale;
  • le Aziende per l'assistenza sanitaria, per quanto attiene il rispetto dei requisiti igienico- sanitari.
Ultimo aggiornamento: Wed Jan 25 16:40:00 CET 2017

Normativa

  • Regolamento comunale, che definisce requisiti strutturali, impiantistici, tecnologici, delle attrezzature e organizzativi per l'esercizio delle attività;
  • D. Lgs 6 settembre 2011, n. 159 Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonche' nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136;
  • D.P.R. 3 giugno 1998, n. 252 Regolamento recante norme per la semplificazione dei procedimenti relativi al rilascio delle comunicazioni e delle informazioni antimafia;
Ultimo aggiornamento: Wed Jan 25 16:40:00 CET 2017