collegamento al portale della Regione Friuli Venezia Giulia
La mia anagrafica

Anagrafica

Gestione dati Suap

Gestione dati suap

Le mie domande
Area operatori
Riferimenti SUAP
Domande inoltrate: elenco
home  » news  »  News

News

Precedenti penali ed esercizio di bar

Sentenza del Consiglio di Stato n. 5829/2019 - revocabile la licenza del bar se il titolare ha familiari con precedenti penali - di Pietro Alessio Palumbo

08/10/2019  - 
La frequentazione di soggetti pregiudicati o socialmente pericolosi e parenti con precedenti penali costituiscono legittime motivazioni della revoca della licenza comunale relativa a un Bar. Ciò sebbene il titolare stesso sia incensurato e le valutazioni (ampiamente) discrezionali siano state effettuate dagli uffici della Prefettura e non dagli uffici comunali stessi. In caso di amministrazioni preposte alla cura di interessi diversi, ma connessi o intersecanti, vige il principio del cosiddetto «atto contrario» che va emanato dallo stesso ente che ha assunto il provvedimento originario. A questo principio si accompagna quello della leale collaborazione tra le amministrazioni preposte. Corollario della lettura combinata dei due principi è che sebbene istruttorie, stime e valutazioni siano state effettuate da un'altra autorità, la revoca della licenza comunale è legittima solo qualora formalmente provenga dagli uffici comunali.
Il Consiglio di Stato con la sentenza n. 5829/2019 ha dettato dunque direttrici nodali da applicarsi non solo alla disciplina in questione, ma anche più in generale ai rapporti tra autorità preposte a interessi pubblici distinti ma collimanti.
 
 
Fonte:


Monica Feletig
Ultimo aggiornamento: 08/10/2019