collegamento al portale della Regione Friuli Venezia Giulia
La mia anagrafica

Anagrafica

Gestione dati sportello

Gestione dati sportello

Le mie domande
Area operatori
Riferimenti sportello
Domande inoltrate: elenco
home  » news  »  News

News

Domicilio digitale, cos’è e a cosa ci servirà

Sono in consultazione fino al 10 luglio le linee guida sui domicili digitali. Un traguardo atteso, per un progetto che dovrebbe semplificare molti aspetti della comunicazione PA-cittadino.

28/06/2020  - 

Si avvicina il domicilio digitale, che dopo anni di attesa permetterà di spostare su un canale digitale le comunicazioni, con la PA, che sono rimaste finora su casella di posta cartacea.

Un domicilio digitale è tipicamente una casella PEC (posta elettronica certificata) che individua un “luogo virtuale” dove possono essere mandate comunicazioni all’entità giuridica, sia essa PA o professionista o azienda. Ora anche ai privati. E’ come il domicilio fisico, solo che invece di chiamarsi “Via Roma 27” si chiama ad esempio “nome.cognome@gestorepec.it”.

Di identità digitali ne abbiamo tante (Facebook, Google, Amazon, eBay), ora potremo avere anche un domicilio digitale, dove essere raggiungibili dalla PA qualunque sia la nostra locazione fisica (es. una notifica potrà essere mandata via pec anche se siamo in Australia, mentre prima arrivava in via Roma 37 mentre noi eravamo in Australia e l’avremmo vista al ritorno).

Le Linee Guida sui domicili digitali delle persone fisiche e degli altri enti di diritto privato non tenuti all’iscrizione in albi professionali o nel Registro imprese saranno in consultazione fino al 10 luglio.

Queste stabiliscono le modalità di realizzazione e gestione operativa dell’Indice nazionale dei domicili digitali delle persone fisiche e degli altri enti di diritto privato non tenuti all’iscrizione in albi professionali o nel Registro Imprese (di seguito indicato con l’acronimo INAD) nonché le modalità di accesso allo stesso.

E’ comunque importante che queste linee guida siano arrivate dopo anni di attesa,  perchè rappresentano una grande semplificazione della comunicazione PA-cittadino. Inoltre sono chiare da leggere, quindi consigliamo a chi vuole dare degli spunti di dare una lettura e partecipare alla consultazione.

 

Leggi l'intero articolo su:



Monica Feletig
Ultimo aggiornamento: 28/06/2020