collegamento al portale della Regione Friuli Venezia Giulia
La mia anagrafica

Anagrafica

Gestione dati Suap

Gestione dati suap

Le mie domande
Area operatori
Riferimenti SUAP
Domande inoltrate: elenco
home  » news  »  News

News

Corsi di qualificazione per tintolavanderia

Ridotta la durata dei corsi di qualificazione tecnico professionale per l’attività di tintolavanderia

15/02/2019  - 

L’articolo 3, comma 1-octies della legge12/2019, di conversione del D.L. n. 135/2018 (c.d. DECRETO SEMPLIFICAZIONI), novellando l'articolo 2, comma 2, lettera a), della L. 84 del 22 febbraio 2006 Disciplina dell'attività professionale di tintolavanderia, riduce da 450 a 250 ore complessive nell'arco di un anno la durata dei corsi per il conseguimento della qualificazione tecnico-professionale di tintolavanderia.
La durata dei corsi di qualificazione tecnico-professionale era stata fissata dalla L. n. 84/2006 in “almeno 1.200 ore complessive in un periodo di due anni”.
A decorrere dal 13 febbraio 2019 per l'esercizio dell'attività di tintolavanderia le imprese devono designare un responsabile tecnico in possesso di apposita idoneità professionale comprovata dal possesso di almeno uno dei seguenti requisiti:
a) frequenza di corsi di qualificazione tecnico-professionale della durata di 250 ore complessive da svolgersi nell'arco di un anno;
b) attestato di qualifica in materia attinente l'attività conseguito ai sensi della legislazione vigente in materia di formazione professionale, integrato da un periodo di inserimento della durata di almeno un anno presso imprese del settore, da effettuare nell'arco di tre anni dal conseguimento dell'attestato;
c) diploma di maturità tecnica o professionale o di livello post-secondario superiore o universitario, in materie inerenti l'attività;
d) periodo di inserimento presso imprese del settore non inferiore a:
1) un anno, se preceduto dallo svolgimento di un rapporto di apprendistato della durata prevista dalla contrattazione collettiva;
2) due anni in qualità di titolare, di socio partecipante al lavoro o di collaboratore familiare degli stessi;
3) tre anni, anche non consecutivi ma comunque nell'arco di cinque anni, nei casi di attività lavorativa subordinata.
Il periodo di inserimento di cui alle lettere b) e d) consiste nello svolgimento di attività qualificata di collaborazione tecnica continuativa nell'ambito di imprese abilitate del settore.



Monica Feletig
Ultimo aggiornamento: 15/02/2019