collegamento al portale della Regione Friuli Venezia Giulia
La mia anagrafica

Anagrafica

Gestione dati sportello

Gestione dati sportello

Le mie domande
Area operatori
Riferimenti sportello
Domande inoltrate: elenco
home  » news  »  News

News

Concessioni demaniali marittime, i nuovi canoni 2021

Il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti ha aggiornato i canoni balneari per il 2021

15/02/2021  - 

Anche per il 2021 il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti ha provveduto all’adeguamento dei canoni balneari agli indici ISTAT, con decreto direttoriale del 1° dicembre 2020, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 28 del 3 febbraio 2021, definendo:
1) Le misure unitarie dei canoni annui relativi alle concessioni demaniali marittime sono aggiornate, per l’anno 2021, applicando la riduzione del 1,85% alle misure unitarie dei canoni determinati per il 2020;
2) Le misure unitarie così aggiornate costituiscono la base di calcolo per la determinazione del canone da applicare alle concessioni demaniali marittime rilasciate o rinnovate a decorrere dal 1° gennaio 2021;
3) La medesima percentuale si applica alle concessioni in vigore ancorchè rilasciate precedentemente al 1° gennaio 2021;
4) A decorrere dal 1° gennaio 2021, la misura minima di canone – come stabilito dal comma 4 dell’art. 100 del D.L. n. 104/2020, convertito dalla L. n. 126/2020 - è di euro 2.500,00;
5) La misura minima di euro 2.500,00 si applica alle concessioni per le quali la misura annua di canone, determinata in base alla normativa vigente, dovesse risultare inferiore al citato limite minimo;
6) Tale misura dovrà essere aggiornata annualmente con l’indice ISTAT ma solo in aumento e non in diminuzione.
La novità più significativa riguarda la misura minima dei canoni per le concessioni demaniali marittimi, che fino al 2020 ammontava a 362,90 euro, dal 2021 aumenterà a 2.500,00 euro in base alla legge n. 126 del 13 ottobre 2020, di conversione del D.L. n. 104 del 14 agosto 2020.
I concessionari che pagavano mano di 2.500,00 euro all’anno, dal 2021 dovranno adeguarsi alla nuova soglia minima.
L’aumento è stato deciso come misura di compensazione della norma salva-pertinenziali che ha abrogato gli spropositati canoni Omi, anche se ha provocato alcuni problemi per i micro concessionari non commerciali.



Monica Feletig
Ultimo aggiornamento: 15/02/2021