collegamento al portale della Regione Friuli Venezia Giulia
La mia anagrafica

Anagrafica

Gestione dati sportello

Gestione dati sportello

Le mie domande
Area operatori
Riferimenti sportello
Domande inoltrate: elenco
home  » news  »  News

News

AGCM: orari del settore commercio

AS1694 - Provincia autonoma di Trento - Disciplina delle aperture nei giorni domenicali e festivi delle attività commerciali

10/09/2020  - 

Pubblicata sul Bollettino n. 35/2020 del 07/09/20 una segnalazioni AS1694 dell'Autorità Garante della concorrenza e del mercato sul tema della reintroduzione di giorni di chiusura per i negozi nella Provincia Autonoma di Trento prevista con la recentissima Legge del 3 luglio 2020, n. 4, recante “Disciplina delle aperture nei giorni domenicali e festivi delle attività commerciali”.

Per favorire la conservazione delle peculiarità socio-culturali e paesaggistico-ambientali, gli esercizi di vendita al dettaglio osservano la chiusura domenicale e festiva, fatto salvo quanto previsto da quest’articolo in relazione all'attrattività turistica dei territori e a garanzia del pluralismo nella concorrenza”.
Ad avviso dell'Autorità tale disposizione pone limiti ingiustificati all’esercizio di attività economiche e, segnatamente, alla libertà di apertura degli esercizi commerciali, introducendo, seppur con talune deroghe, un obbligo di chiusura domenicale e festivo. Essa, pertanto, è suscettibile di porsi in contrasto con le norme e i principi di liberalizzazione sanciti in materia sia a livello europeo che nazionale.

Anche la Corte Costituzionale si è a più riprese espressa in tal senso, dichiarando l’illegittimità costituzionale di norme regionali e provinciali adottate in contrasto con i principi di liberalizzazione statale (disposti dall’art. 31, comma 1, del d.l. n. 201/20114), così invadendo la potestà legislativa esclusiva dello Stato in materia di tutela della concorrenza e violando, quindi, l’art. 117, secondo comma, lettera e), della Costituzione.

La Legge in parola, conclude l'Autorità nella sua segnalazione alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, potrebbe presentare profili di incostituzionalità nei limiti in cui risulta in contrasto con la richiamata normativa statale di liberalizzazione.



Monica Feletig
Ultimo aggiornamento: 10/09/2020